La certificazione Halal e i requisiti per ottenerla

Avete mai sentito parlare di prodotti Halal?

“Halal” è un termine arabo che significa “lecito” e fa riferimento a tutto ciò che è permesso secondo l’Islam, il contrario di ciò che è “haram”, ovvero “proibito”.

La certificazione “Halal” serve ad attestare che i prodotti delle filiere agroalimentari, (ma anche i cosmetici, i prodotti chimici e farmaceutici, i prodotti per la cura del corpo e della salute, quelli del settore finanziario e assicurativo, i processi industriali, di trasformazione, compreso la certificazione del packaging) siano conformi alle norme etiche ed igienico sanitarie previste dalla legge e dalla dottrina dell’Islam, quindi commercializzabili in tutti i Paesi di religione islamica.

In particolare, nel settore alimentare, questa certificazione garantisce che i cibi, oltre a essere conformi alle normative italiane ed europee in tema di igiene e sicurezza, siano preparati secondo le norme islamiche.
In Italia, per ottenerla, è necessario rivolgersi ad uno degli enti accreditati, dimostrando la conformità alle regole indicate sul disciplinare emesso dal Comitato Etico di Certificazione Halal della CO.RE.IS (DTP HLL 02) e alle procedure standard omologate dalla stessa.

I requisiti da rispettare sono:

  • Assenza di sostanze non conformi: materie prime, ingredienti, additivi, conservanti, coloranti, aromi, coadiuvanti tecnologici, inclusi tutti gli additivi nascosti non dichiarati in etichetta o nella scheda prodotto ma che entrano in contatto con il prodotto o i suoi ingredienti.

  • Non contaminazione: le sostanze “Halal” non devono venire a contatto con sostanze “Haram” e, per evitare contaminazioni, è necessario separare le linee produttive nel tempo e/o nello spazio. Laddove ciò non sia possibile, è necessario predisporre adeguata sanificazione prima di procedere alla produzione “Halal”.

  • Tracciabilità: l’identificazione dei prodotti, delle materie prime, degli ingredienti e dei semilavorati in azienda, così come delle aree e delle linee ad essi adibite, deve essere adeguata, con l’uso di cartelli appositi e/o etichette; mentre la tracciabilità delle produzioni “Halal” deve essere garantita in azienda e fuori azienda.

  • Etichettatura e logo Halal: applicazione del marchio registrato di proprietà della CO.RE.IS.

  • Sistema qualità: nel sistema qualità aziendale devono essere inserite procedure interne relative alla certificazione e alla produzione “Halal”.

  • Formazione: rivolta periodicamente a tutto il personale direttamente interessato.

La certificazione “Halal”, ottenuta grazie ad un iter rigoroso di controllo del prodotto e dei processi, garantisce qualità e sicurezza alimentare anche al di là dei confini strettamente religiosi, tant’è che i prodotti certificati sono apprezzati anche da non musulmani e, secondo l’inglese Euromonitor, entro il 2030 il mercato legato ad essi peserà il 26% nei consumi mondiali.

Anche Mottolini offre una gamma di prodotti Halal, a partire dalla bresaola della Valtellina IGP.

Mottolini

SALUMIFICIO MOTTOLINI SRL

Via Lozzoni, 5, 23020
Poggiridenti (SO)
VAT Number: 00622710143

Telefono: +39 0342 564070
E-mail: info@mottolini.it

 

Scopri la Bresaola L'Originaria, una nuova idea di produzione attenta alla materia prima, alla salubrità ma anche al gusto stesso della  carne, una diversa sensibilità verso le problematiche legate al benessere animale.

bresaolaoriginaria.it

© SALUMIFICO MOTTOLINI SRL / P.I. C.F. R.I. : 00622710143 / CAP. SOC. € 65.000,00 i.v. / privacy policy / website by Pura Comunicazione